Vukovar


Curriti, curriti,
genti di tuttu lu munnu,
ammazzaru lu Bammineddu
prima ancora ca lu so vaggitu
purtassi alligria di cori nta la terra.
Curriti, curriti
granni e picciriddi
e purtati benni cunsagrati
pi fasciari lu so coddu tenniru
sgargiatu comu un vitidduzzu.
Canciati strata pasturi e rignanti,
omini e fimmini di sta terra.
A Betlemme sgurga sangu di Passioni
prima ancora di lu tempu
e la stidda cumeta si fermò a Vukovar
‘ntra l’umbra di la notti e di la luna,
unni lu celu carricu di negghi
nun sfaidda chiù di luci argintina
e chianci li so lacrimi a stizza a stizza.
Astutati la raggia chi cuva nta lu pettu
e purtati paci cu milli frunni d’olivu
e panari cu pani caudu di spiranza.
Cantati ninnareddi d’amuri
pi quadiari lu so cori attassatu
cu l’alitu di lu vostru ciatu,
pi rinasciri cu Iddu
e risintiri la parola nova
affucata di lu chiummu
supra li vucchi squarciati.
Lassati ancora na vota
li canti di la morti
pi lu cantu ardenti di la vita.
Lassati a li picciriddi spizzuliari
cu l’occhi chi stiddianu luci
e ridiri a lu munnu la so nnuncenza.
Miserere di nui, Signuri!
A Vukovar ammazzaru lu Bammineddu.

Alberto Lo Verde
Palermo

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: