Natali, spiranza di paci


Chi sensu avi
stu Natali chi torna
pi li trazzeri di lu munnu
quannu la porta di la paci
resta quasi sempre allapazzata,
chiusa a la spiranza di la genti.
Chi sensu avi
stu curari fistusu versu vitrini aperti
tutti vistuti a festa
quannu li me’ pinseri abituati
a la bunazza
sunnu sbattuti sempri scogghi scogghi.
Comu ‘n-agnidduzzu spersu, senza matri,
mi si strinci lu cori
quannu l’urtimi sfilazzi di suli
astutanu lu jornu.
E allura,
menzu allampanatu e carricu di silenziu,
vaju tampasiannu pi li vaneddi
aspittannu a vrazza aperti la nascita
di lu Bammineddu
cu la spiranza di vìdiri jorna figghiari
sulu paci,
spiranza, c’aju cuvatu sira pi sira
sutta la cinniri di li me’ prijeri.
Livatimi st’ummira di nuvuli
avanti a l’occhi mei,
lassatimi ‘mmenzu a trazzeri di suli
unni suspira di menta e di jinestra
stasira alimentanu
sonu di campani e ciarameddi
e facitimi séntiri passi di ventu
scarpisari timpuna di spiranza
unni l’aria, tra spini e ruvetti,
svampa faìddi di paci.

Franco Tripi
Termini Imerese (PA)

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: