NATALI Auguri, Bon Natali!


E’ Natali – sì – lu sacciu;

ma chi m’interessa,

pi mia è na jurnata la stessa.

Cu nasci, cu mori, chi m’importa

è na fera!

Nun nascemu tutti a la stessa manera.

Iò nascivi ‘nta ‘na grutta

e nun sugnu Diu.

A chi vali nasciri ‘nna sta terra,

dunni regna l’odiu e la guerra?

Quanti Gesù nascinu ‘nto munnu,

‘nta li chiesi, ‘nna li presepi ogn’annu.

Ma tutti sti bammini dunni sunnu

siddu esisti e moltiplica l’ingannu?

A chi vale nasciri, pi soffriri

si la casa è povira, si la terra è arsa,

si t’arrusti u suli e t’acchiappa ‘ntesta.

Cu chianci, cu riri;

ma chi m’interessa,

pi mia è ‘na jurnata la stessa.

C’è tirrimotu, trema a terra, ‘u cielu scura

mi chianci lu cori – si ma è la natura!

Ma li bummi no! la guerra no!

E finu a quannu chistu c’è

chi m’interessa,

pi mia è ‘na jurnata la stessa.

Quannu c’è a paci ni lu munnu:

è Natali, è Pasqua ogni jornu.

Quannu s’abbrazzanu lu niuru e lu biunnu

e quannu li cunfini nun ci stannu;

chiamami:

picchi puru mortu t’arrispunnu.

Ignazio Russo (Sciacca, n.1928 – m.1981)

 

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: