Antichi canti natalizi (con video)

La tradizione musicale del Natale in Sicilia non è scomparsa anzi è molto vivace.

Le Novene rappresentano in Sicilia non solo religiosità e fede ma anche l’occasione per stare insieme, fare festa in chiesa, per le strade in piazza.

Le Novene di Natale, canto narrativo suddiviso in 9 parti che narrano le vicende della natività sono eseguite per le 9 sere che precedono il Natale, ad opera di un gruppo di musicanti che suonano davanti ad edicole sacre addobbate con frutta, alloro ed asparago ed eseguendo un vario e suggestivo repertorio commissionato da devoti che alla fine offriranno cibo e bevande a loro ed ai presenti.

Qui di seguito intanto vi proponiamo un video di una antica novena di Sicilia:

In diversi paesi, vengono accesi dei falò per “quadiari lu Bammineddu”.

Monreale, diverse coppie di zampognari (ciaramiddari) si esibiscono la mattina e la sera, dall’Immacolata all’Epifania con la zampogna ” a chiave”, o a Licata con quella “a paio” con il sostegno ritmico del cimmulu (cerchietto) munito di piattini e sonagli.
La Novena da Madonna, a Novena di Natali, l’Ottava dell’Epifania, della Natività, dall’Annunciazione alla Nascita, alla fuga in Egitto ed il Triduo (triinu), che conclude i tre giorni dal 3 al 5 gennaio, sono alcuni degli antichi canti proposti nelle novene; i brani più richiesti e commissionati dai devoti sono Lu viaggiu dulurusu (lu caminu di San Giuseppi), A la notti di Natali, Ninu Ninu lu picuraru, Li tri re, Dinghi dinghi la campanedda, la Sarvi Regina di Natali, e melodie strumentali come le Pasturali che sono l’esito di scambi tra la musica dotta e quella popolare; i Ballitti concludono le Novene.

Temi ricorrenti sono l’adorazione dei pastori, le ninna nanne al Bambino.
“Lu caminu di San Giuseppi” è un lungo testo in quartine di ottonari che narra le vicende evangeliche della nascita di Gesù di cui fu autore un monaco monrealese Binidittu Annuleri, pseudonimo del canonico Antonio Di Liberto. Dal suo “Viaggio dulurusu di Maria Santissima e lu Patriarca San Giuseppi in Betlemmi”, nacquero nei secoli molte varianti, diversi brani simili, con svariate combinazioni vocali e strumentali.

Un’altra interessante novena è attribuita a Giacomo D’Orsa, celebre poeta popolare dei primi anni del Settecento, dal titolo “Curteggiu di li pasturi a lu Santu Bambinu Gesù, la ninna di la Gluriusa Virgini Maria”; da queste discendono le numerose varianti riproposte ancora oggi.

Il Pitrè testimonia di novene di Natale, eseguite con svariati strumenti: friscalettu, scacciapensieri, violino, contrabbasso e flauto. Alla fine dei canti, i cantanti ricevevano il compenso. “Fari u firriatu” cioè offrire ai suonatori ed ai presenti, vino, ceci, cucciddati, uva passa e fichi secchi dai devoti.
“E’ nasciutu u Bammineddu: datici lu carrineddu!”, o “la nuvena è terminata, datici li cucciddata”.
Il contenuto delle Novene, i personaggi trovano origine molto spesso, dai Vangeli apocrifi trasmessi nel tempo per via orale.

CHIDDA NOTTI DISIATA (Cefalù)

Quannu Diu vinni a lu munnu
fu la notti la cciù scura
fu la notti la cciù scura.
c’a cuntalla mi cunfunnu
comu dici la scrittura
comu dici la scrittura.

fu la notti la E Maria la Bedda Matri
caminari nun putia
caminari nun putia.
San Giuseppe cci dicia:
“Arripuositi Maria,
arripuositi Maria.

Spusa mia nun dubitari
ca l’amici e li parienti
ca l’amici e li parienti,
nun nni puonu abbannunari
lu rizziettu n’han’a dari
lu rizziettu n’han’a dari”.

Chidda notti disiata
ca nasciu lu Verbu eternu
ca nasciu lu Verbu eternu.
E lu friddu a Lui sacratu
ralligrau lu friddu ‘nviernu
ralligrau li friddu ‘nviernu.

Diu è natu ‘nta ‘na ‘rutta
‘nta ‘na ‘rutta ‘bbannunata
‘nta ‘na ‘rutta ‘bbannunata.
Ha’ nasciutu lu Bammineddu
‘mmenzu ‘u voi e l’asineddu
‘mmenzu ‘u voi e l’asineddu.

Chi nuttata r’allegria
chi ci ha’ statu ‘nta ‘dda ‘rutta
chi ci ha’ statu ‘nta ‘dda ‘rutta.
Tutti trini ‘n cumpagnia
Gesù Giuseppi cu Maria
Gesù Giuseppi cu Maria.

ACQUA, NIVI E VENTU FORTI   ( Mazara del Vallo)

Acqua nivi e ventu forti,lampi e trona accussì lustri
San Giuseppi amaramenti tuppuliannu jia a li porti.

Cci cumparsi flosamenti appo’ a iddu ‘n pillirinu:
“D’ unni jiti bona genti, ccu ‘sti granni friddurati?

Ora jiti a ‘dda cuntrada,c’ è ‘na ‘rutta arriddussata
ddà c’ è pagghia e l’ addumati,risturati ‘sta nuttata”.

Sennu ddà Maria arrivata,visti poi ‘na manciatura,
du’ armaluzzi a la latata,pocu fenu e pagghia dura.

Du’ armaluzzi a la latata,pocu fenu e pagghia dura,
‘mmenzu o’ voi e l’ asineddu nasciu Gesù ‘u Bammineddu.

.

A ‘DDI TEMPI FRIDDUSI  ( Modica )

A ‘ddi tempi friddusi e scuri jittau Cesari ‘nu bannu,
e li poviri e signuri tutti a scriviri si vannu.   

Quannu Cesari jittau ‘ddu gran bannu riurusu,
San Giuseppi si truvava ‘nti la ciazza rispittusu.

San Giuseppi era cunfusu di purtarisi a Maria,
e lu tempu era scurusu, cci scurau ‘mmenzu a la via.

‘Nti ‘na urutta si firmaru San Giuseppi e la Maronna,
e li santi pellegrini ddocu rintra arripusaru.

Arrivannu a menzannotti, cci nasciu lu Bammineddu,
‘mmenzu o’ vuoi e ‘u sciccareddu cci nasciu Gesuzzu beddu.

C’era un poviru picuraru, n’avia nenti chi purtari,
porta latti ‘nti ‘na sisca, cosa ‘i cavaddu e tuma frisca.

C’ era un poviru cacciaturi, n’ avia nenti chi purtari,
porta un liepru e un cunigghiu ppi la matri e ppi lu figghiu.

C’ era un poviru craunaru, n’ avia nenti chi purtari,
porta ‘n cocciu di crauni ppi scaffari lu Signuri.

.

LLORIA A DIU

Lloria lloria a Diu ch’è natu,
lu Bamminu disiddiratu,
disiddiratu di li pasturi,
ora è natu lu Redenturi.

Sta nascennu lu Bamminu,
priparamucci li fasci,
su so’ matri lu sapia,
fasci d’oru ci facia.

Lloria lloria a Diu……

E la ‘rutta era vagnata,
di la nivi chi cadia,
ma cci nn’era un pocu asciutta,
si cci arriparau Maria.

Lloria lloria a Diu ..a Diu …

.

QUANNU CESARI JICCAU LU BANNU  ( Castellammare del Golfo)

Quannu Cesari jiccau ‘ddu gran bannu riurusu,
San Giuseppi si truvava ‘ntra la chiazza arrispittusu.

San Giuseppi era cunfusu:”Comu fazzu ccu Maria?
Siddu senti chistu bannu voli veniri ccu mia”.

E Maria cci ha’ rispunnutu:”Fatta sia la vuluntati,
giacchè Diu l’ha’ dispunutu vegnu d’ unni mi purtati”.

.

ALLIGRATIVI PASTURI  ( Salemi)

Alligrativi pasturi,
giacchè è natu lu Missia.
‘N  Bettilemmi  a  li fridduri,
nasciu  ‘n brazza  di Maria

A quattr’ uri di la notti,
San Giuseppi cci dicia:
“Haiu fattu quantu potti,
chiù nun pozzu spusa mia”.

.

BALLA BALLA BAMMINEDDU

Balla balla Bammineddu,
tuttu lu chianu è tuttu lu to’;
unni posa lu to’ piruzzu,
nasci ‘na rama di basilicò.
Sci chi ciauru ‘i basilico,
Sci chi ciauru ‘i basilicò.

Susi Bamminu c’a jiri a la scola,
la mamma ti chiama , la missa ti sona.
Trentatri anni la cruna ri spini,
cu ferra e catini p’amari a Gesù.
cu ferra e catini p’amari a Gesù,
cu ferra e catini p’amari a Gesù.

.

E LA NOTTI DI NATALI  (Mistretta)

E la notti di Natali,
c’ è la festa principali.
Parturiu la gran Signura,
‘nta ‘na affritta mangiatura.
‘Mmenzu o’ voi  e l’ asineddu,
nasciu Gesù ‘u Bammineddu.
E ognidunu lu binidicia,
chistu è lu fruttu chi fici Maria.

E la notti di Natali,
ca nasciu lu re putenti.
Parsi un jornu naturali,
ccu li stiddi risplinnenti.
‘Mmenzu o voi e l` asineddu,
nasciu Gesù ‘u Bammineddu.
E ognidunu lu binidicia,
chistu è lu fruttu chi fici Maria.

.

E SUSI PASTURI

Vuotu l’uocci a la marina,
viru veniri a du’ pasturi:
“Pastureddi unni jiti?”
“Jemu a vidiri a lu Signuri”.

“Ppi manciari chi cci purtati?”
“‘N acidduzzu ‘nta ‘n panaru,
racinedda ‘nta ‘n cufinu,
ppi manciari Gesù Bamminu”.

E susi pasturi nun dormiri cchiù
lu viri ch’è natu ‘u Bamminu Gesù.

Sta calannu ‘na Susanedda,
sta calannu di li muntagni;
cu ‘na cannistredda ‘n testa,
china ‘i mennuli e castagni.

E lu poviru picuraru,
nenti avia chi cci purtari;
cci purtau ‘n agnidduzzu,
p’arricriarisi Gesuzzu.

E susi pasturi…

E la notti di Natali,

tuttu zuccuru e tuttu meli.

E la notti di Natali

fanu festa li parrini;
nun aviennu chi manciari,
manciunu cricchi di jaddini.   E susi pasturi…

Sutta ‘n peri di nucidda,
c’è ‘na naca picciridda;
si ci annaca lu Bamminu,
San Giuseppi e San Jachinu.

San Jachinu ccianau ‘n cielu,
ppi sunari tri campani;
tri campani su’ sunati,
viva viva la Trinitati.
Ca nasciu ‘mmenzu l’animali
lu rignanti di li genti.

E susi pasturi…

.

LI TRI RE (Altofonte )

Li tri re di l’Orienti,
quannu ‘ntisiru la nova

ca nasciu lu Re putenti,
e nun sannu unni si trova.
E si misiru ‘n caminu,
ppi truvari lu Bamminu.

.

SANTA MARIA

Santa santa Maria matri l’annunziata,
di l’angilu salutata ora, ora, pro nobis,
e santa Maria, e santa dei genetrix,
e santa virgo virginum ora, ora pro nobis.

Llaramu e cantamu, cantamu e llaramu
lu viva cantamu lu viva Gesù

.

CANZONETTA DI PASTURI

Tantum ergo Sacramentum
Veneremur cernui;
Et antiquum documentum
Sensuum defectui.

.Novo cedat ritui;

Praestet fides supplementum

LA NASCITA DEL BAMBIN GESU’  (Palermo)

A la notti di Natali
Ca nasciu lu bammineddu
E nasciu ‘n menzu l’armali,
‘N menzu ‘n voi e ‘n asineddu

QUANNU CESARI JTTAU

Quannu Cesari jttau

chiddhu bannu rigurusu11,

San Giuseppi si truvau

na ddha ciana rispittusu.

San Giuseppi era cunfusu:

«Comu fazzu ccu Maria?

S’Iddha senti chistu bannu

voli veniri ccu mmia».

E Maria ci rispunnìu:

«Fatta sia ‘a vuluntati

pirchì Ddhiu ‘ha dispunutu

viegnu unni mi purtati».

Maria e Giuseppi ansiemi

si misinu a caminari

e nun pottunu arrivari

a Bittilemmi a ripusari.

Maria ca ‘ncinta era

caminari nun putìa,

san Giuseppi ci ricìa:

«Ripusativi, spusa mia.

Spusa mia, luoncu è ‘u viagghiu,

siti gravida avanzata

e se c’è quarchi disagghiu,

ni truvamu ppâ strata».

Acqua nivi e vientu forti,

trona e lampi stralucenti.

 

RIGURUSU

San Giuseppi ja ê porti

tappuliannu amaramenti.

Cu’ si finci e cu’ nun senti

e cu’ senti fa ‘a scusa,

tuppuliannu fortementi

ogni porta ca era ciusa.

E arrivarru a Bittilemmi

e nun pottunu allugghiari,

ca carìa acqua e nivi,

chista è ‘ura ri parturiri.

«Mariannuzza, cchi vai fannu

ccu ‘stu tiempu ca fa friddhu?».

«Vagghiu circannu ‘na casuzza

unni hâ’ nàsciri ‘u ma Figghiu».

Cchi mancaunu palazza

comu rre râ natura,

e nascìu ntê strapazza

nta ‘na povira manciatura.

Sta nasciennu ‘u Bbamminieddhu,

priparatici ‘i fasci,

se ‘a sa matri ‘u sapìa

fasci r’oru ci facìa.

E ‘a rutta era vagnata

râ nivi ca carìa,

e ci nn’era ‘n puocu asciutta

si cci ‘rriparau Maria.

Pasturieddhi pasturieddhi

cci viniti â capanna,

cc’è ‘na ronna parturenti

ch’è ‘a figghia ri Sant’Anna.

Parturìu ‘sta gran Signura

nta ‘na povira manciatura,

‘n mienzu ô voi e ô sciccarieddhu

misi a Gghèsu Bbamminieddhu.

‘Rrusbigghiativi, pasturi,

ca è natu ‘u Missia,

riverenza ci faciemu

â Vergini Maria.

‘Nta ssa notti risiáta

ca nascìu ‘u Verbu Eternu

â vista sua sacràta

 



Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: